LA TUA FARMACIA - MORINGA: ALBERO DELLE MERAVIGLIE

LA TUA FARMACIA - MORINGA: ALBERO DELLE MERAVIGLIE

Rassegna Stampa: La tua Farmacia - Marzo 2017
Dott. Bruno Brigo, Specialista in Medicina Interna, Terapia Fisica e Riabilitazione

È uno degli alberi più straordinari
del nostro pianeta. Perfetta fonte di nutrienti per varietà e concentrazione, 

la Moringa, riconosciuta come ‘superalimento’, viene impiegata a scopo nutrizionale, per preservare la salute e assicurare il pieno benessere 

L’albero di Moringa (Moringa oleifera Lam.) è originario delle regioni sub himalaiane dell’India orientale ed è diffuso in molte regioni tropicali del continente asiatico e africano. Ha una capacità straordinaria di crescere in aree ostili, molto calde e aride, grazie all’elevato contenuto di acqua trattenuta dal tronco e dalle foglie, oltre all’elevata concentrazione di sostanze protettive. Per la sua tenacia, in Senegal l’albero di Moringa è noto come ‘nebedies’, che significa ‘che non muore mai’, perché cresce in suoli poveri, ricresce dopo essere stato tagliato, producendo frutti anche nel periodo di siccità. 

Parti utilizzate e componenti 

Tutte le parti della Moringa (radici, rami, foglie, ori, baccello, semi) sono utilizzabili.
Le radici vengono usate come the. Dal tronco si ottiene un rimedio da applicare sulle ferite della pelle e sul capo in caso di mal di testa. A scopo nutrizionale e in fitoterapia si utilizzano le foglie e i semi. 

Usi nutrizionali e curativi 

‘Super-alimento’ multivitaminico 

A partire dagli anni ’90, l’albero di Moringa ha catturato l’attenzione di scienziati e nutrizionisti per la sua sorprendente ricchezza di nutrienti, per i composti antiossidanti e le vitamine. La Moringa è una delle poche piante che contiene tutti gli aminoacidi essenziali che noi non riusciamo a produrre.
La loro presenza ma anche il loro rapporto reciproco è molto vantaggioso per l’assorbimento e la produzione delle proteine del nostro organismo. L’ampia varietà di nutrienti, abbinata al basso contenuto di calorie e di sodio, fa della Moringa un alimento energetico ideale.
Per questi motivi attualmente la Moringa è considerata un ‘super-alimento’, prezioso sia per le popolazioni a rischio di malnutrizione, sia per compensare la dieta poco salutare dei Paesi occidentali, povera di antiossidanti e di sostanze anti- invecchiamento. Dal momento che in natura le vitamine si presentano sempre in combinazione tra loro o con altri micronutrienti, influenzandosi reciprocamente con meccanismi di facilitazione o di inibizione, gli estratti di foglie e semi di Moringa presentano una concentrazione molto elevata di sostanze vitali e diventano perciò preziosi per apportare, in maniera significativa, sostanze che nutrono la vita e sono il segreto del benessere. La nutrizione opera, infatti, come una rete biochimica complessa, che coinvolge migliaia di sostanze con migliaia di effetti sulla nostra salute. Così sostanze antiossidanti e vitamine lavorano insieme nell’organismo. Per esempio il Selenio lavora meglio in presenza di vitamina E e la Moringa dispone di elevate quantità sia di Selenio che di vitamina E. 

Energia naturale 

L’estratto di Moringa rappresenta una risposta naturale per aumentare l’energia sica, mentale, emozionale e sessuale. Pertanto risulta particolarmente utile per la produzione e l’utilizzo ottimale di energia, in caso di aumentato fabbisogno, eccessiva perdita o ridotto apporto nutrizionale di micronutrienti. 

Ogni funzione vitale, ogni attività, ogni cambiamento richiede la presenza e la disponibilità di energia. Numerose condizioni sono caratterizzate dalla mancanza di energia, calo delle forze, stanchezza, debolezza, astenia, adinamia, che si possono manifestare per aumento del fabbisogno energetico (attività motoria, pratica sportiva, cambio stagionale, impegno scolastico, convalescenza), eccessiva perdita (sudorazione, condizioni di stress, uso della pillola, allattamento) o ridotto apporto di nutrienti (alimentazione moderna). Una delle cause più comuni della stanchezza va ricercata nella carenza diffusa di micronutrienti nei Paesi industria- lizzati in conseguenza all’alimentazione moderna. Il processo di raffinazione e la cottura infatti riducono, talvolta in maniera drammatica, il contenuto in vitamine e minerali dei cibi. 

Depurazione, controllo del peso e del metabolismo 

Secondo un’antica tradizione propria della Medicina Ayurvedica le foglie dell’albero di Moringa sarebbero in grado di prevenire 300 malattie. Numerose sono le proprietà bene che attribuite a questa pianta. L’ampia varietà e ricchezza di micronutrienti, di componenti antiossidanti e antinfiammatorie rendono la Moringa efficace nel potenziare il sistema immunitario, proteggere cuore e vasi, promuovere la normalità della digestione, riequilibrare il metabolismo, regolare i livelli ormonali, restituire idratazione ed elasticità alla pelle. 

L’impiego curativo di Moringa comprende la regolazione dei ritmi vitali, i processi infiammatori (febbre, raffreddore, influenza), le difficoltà digestive, il sovraccarico del metabolismo (diabete tipo 2, colesterolo elevato, sindrome metabolica), il controllo della pressione arteriosa, la cura naturale delle affezioni della pelle, la prevenzione dei tumori. In commercio sono disponibili preparati ottenuti dalle foglie e dai semi di Moringa, sotto forma di polvere, compresse, capsule, olio. Anche se sono necessarie ulteriori conferme da parte dei ricercatori, le molteplici indicazioni all’uso dell’estratto di foglie e semi, a scopo nutrizionale, per preservare la salute e assicurare il pieno benessere, promuove la Moringa, come vero e proprio ‘Albero delle meraviglie’. 

CARTA D’IDENTITA’ 

Nome: Moringa oleifera Lam. 
Habitat: regioni aride tropicali di Asia e Africa 
Parti utilizzate in fitoterapia: foglie e semi 
Componenti principali: aminoacidi essenziali, acidi grassi essenziali, vitamina A, vitamina C, vitamina E, quercetina, acido clorogenico, selenio, potassio, magnesio, calcio, ferro 
Uso nutrizionale: ‘superalimento’ 
Usi curativi: stanchezza, senescenza, andropausa, diabete tipo 2, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa, sovrappeso, sindrome metabolica, depurazione, regolazione dei cicli vitali (digestione, sonno, attività sessuale) 

Alcune curiosità 

La Moringa contiene 18 dei 20 aminoacidi, elementi costitutivi delle proteine del corpo.
La pianta contiene tutti gli 8 aminoacidi essenziali. 

Rispetto a 100 grammi di altri alimenti, in 100 grammi di foglie è contenuta:
• la vitamina A 4 volte rispetto alla 
carota;
• la vitamina C 8 volte rispetto alle arance;
• il potassio 3 volte rispetto alla banana;
• il calcio 3 volte rispetto al latte vaccino. 

10/03/2017
Share: